“Il Telegrafo”: Fondazione Livorno, abbiamo rispettato gli impegni

“Il Telegrafo”: Fondazione Livorno, abbiamo rispettato gli impegni

“IL TELEGRAFO”:  FONDAZIONE, ABBIAMO RISPETTATO GLI IMPEGNI

GRAZIE ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

 

LIVORNO – 19 aprile 2018 – Mentre lo Stato non ha ancora stanziato i fondi per risarcire le famiglie e le imprese danneggiate dall’alluvione del settembre 2017, la Fondazione Livorno ha completato l’assegnazione dei contributi per 350mila euro per 92 famiglie colpite dal disastro. La conferma è arrivata dal presidente Riccardo Vitti, che ha ricevuto ieri nella sede della Fondazione le associazioni e le organizzazioni del volontariato che hanno contribuito a mettere in atto questa iniziativa, contattando le famiglie e aiutandole a presentare la domanda. Al fianco di Vitti c’era anche la vicesindaco Stella Sorgente.

“È stato così rispettato il programma annunciato all’indomani dell’inondazione, – ha detto Vitti – che prevedeva tre fasi. La raccolta delle domande, la selezione delle richieste e l’assegnazione dei contributi». Il ‘Fondo emergenza alluvione’ appositamente costituito dalla Fondazione, ha infatti permesso di mettere a disposizione 350mila euro. «Questo sforzo eccezionale e fuori dalla operatività ordinaria, – ha sottolineato Vitti – ha permesso di aiutare 92 famiglie che, presentando la documentazione necessaria, hanno ottenuto un risarcimento, totale o parziale, dei danni subiti dalla propria abitazione (in casi eccezionali dai mezzi di trasporto) e la possibilità di ricostruire, per quanto possibile, l’ambiente familiare».

La Fondazione Livorno ha inoltre cercato di coordinarsi con l’amministrazione comunale per evitare sovrapposizioni tra gli aiuti.

«Fondamentale è stata la collaborazione con la rete di associazioni radicate sul territorio, che attraverso i propri sportelli hanno pubblicizzato l’iniziativa, fornito informazioni, raccolto le domande e consegnato gli importi devoluti».

Le associazioni coinvolte sono state: Associazione Nazionale Giubbe Verdi Compagnia Alta Maremma, Auser Volontariato Territoriale Livorno Bassa val di Cecina, Fondazione Caritas Livorno Onlus, Comunità di Sant’Egidio Pisa e Livorno Onlus, Misericordia di Antignano, Venerabile Confraternita di Misericordia ‘Santa Maria del Suffragio’ di Montenero, Parrocchia Santissima Annunziate dei Greci, Pubblica Assistenza Società Volontaria di Soccorso di Livorno.

Le associazioni hanno ricevuto 133 domande che sono state istruite da una commissione costituita in seno alla Fondazione, sulla base di criteri indicativi dello stato di bisogno delle persone (Isee, stato di disoccupazione, presenza di disabilità). Le famiglie selezionate hanno ricevuto il contributo richiesto, con un tetto massimo di 10.000 euro, per favorire un aiuto diffuso e capillare. I 350.000 euro stanziati sono stati spesi così: per arredi ed elettrodomestici (38%); per piccole manutenzione e ripristini delle case (39%). Per i veicoli (16%); altro (6%).
 

Fai sapere che ti è piaciuta, condividi la nostra news